Feste indiane: le usanze di come si celebra il Natale in India


Curiosi di scoprire di più sulle feste indiane? Sta per arrivare il Natale e molti di voi in questi giorni, di passaggio dal nostro ristorante indiano a Firenze, ci state chiedendo come si festeggia in India. In questo articolo vi raccontiamo alcune curiosità.a.

Le usanze

Tanto per cominciare, in India si festeggia il Natale? La domanda non è affatto scontata, visto che la religione cristiana rappresenta una cospicua minoranza rispetto a induismo, buddismo e sikhismo. Ma la risposta è sì, si festeggia. Dall’indipendenza dal Regno Unito, infatti, la Repubblica dell’India riconosce e tutela la diversità religiosa, per cui il giorno di Natale è considerato a tutti gli effetti festa nazionale, come le altre importanti celebrazioni religiose.

Nelle chiese si tiene la Messa di mezzanotte, come da noi, della durata di circa due ore e mezzo, dove tutti i fedeli si recano coi loro vestiti migliori, pronti a porgere gli auguri a conoscenti e amici. Tutto è all’insegna dell’ospitalità e della solidarietà. Le persone di religione cristiana si ritrovano nelle case cantando con tamburi e cembali e si scambiano regali porgendo cesti di frutta, thaili o focacce ai loro vicini.

Le differenze tra le varie lingue

In India, che è una nazione multiculturale, le persone parlano molte lingue differenti. Anche “Buon Natale” ha varianti differenti. In hindu e urdu si dice Bade Din ki Mubarak; in sanscrito Krismasasya shubhkaamnaa; in bengali Barodiner shubhechha janai e in tamil Christhu Jayanthi Nalvaalthukal. E come viene chiamato Babbo Natale in India? Il nome varia in base alle diverse culture locali: viene chiamato Christmas Baba in hindi e Christmas Thaathaa in tamil. Tradizione vuole che si presenti per donare i regali ai bambini che si sono comportati bene durante tutto l’anno, come da noi qui a Firenze.

Gli addobbi

Nelle grandi città indiane, a Natale, si possono trovare oggetti come renne, slitte e la neve finta, che si mescolano con gli oggetti appartenenti alle usanze e alle particolarità del posto. Gli addobbi natalizi, come palline colorate e luci, sono messi su enormi banani o grandi alberi di mango all’esterno delle case, rinunciando nella maggior parte dei casi al classico abete.

Diwali

Le persone che non sono di religione cristiana sono solitamente molto affascinate e incuriosite da questa festività, perché per certi aspetti somiglia alla festa della luce induista che si chiama Diwali, considerato da molti “il Natale indiano”.

È considerato l’evento più importante dell’anno e si celebra in cinque giorni, di solito tra ottobre e novembre. Prende il nome dalle lampade in argilla che, secondo la leggenda, vennero esposte nell’India Settentrionale per festeggiare il ritorno di re Rama ad Ayodhya, dopo ben 14 anni di esilio nei boschi. Nelle altre parti del Paese si trovano tradizioni diverse ma tutte a simboleggiare la vittoria della luce e del bene sull’oscurità.

Vieni a festeggiare con noi al nostro ristorante indiano, ci trovi a Firenze in Viale Fratelli Rosselli 31/33 r.

potrebbero interessarti anche…


This site is registered on wpml.org as a development site.